Scelta del Ginecologo

Motivazioni nella scelta del Ginecologo

La motivazione nella scelta del Ginecologo è dettata da una serie di fattori generali ed individuali che è bene sottolineare in maniera dettagliata:

Fattori Generali

1. Prevenzione in senso lato (controlli periodici).
2. Mantenimento dello stato di salute e possibile miglioramento dello stesso.
3. Problemi funzionali di routine di facile inquadramento diagnostico e terapeutico (lievi disfunzioni – menopausa – gravidanze normali).
4. Problematiche anticoncezionali routinarie.
5. Variazioni estetiche normali nelle varie età della vita della donna oppure in seguito ad eventi fisiologici o para-fisiologici più o meno rilevanti.

Fattori Individuali

1. Patologie intercorrenti che colpiscono l'apparato genitale e non solo.
2. Incidenti di percorso (rapporti a rischio in senso lato).
3. Problemi anticoncezionali urgenti.
4. Gravi alterazioni dell'aspetto fisico in seguito a patologie ormonali (obesità – acne – irsutismo – ecc..).
5. Sterilità od infertilità.
6. Patologie sistemiche o a carico di altri organi, con ripercussioni a livello ginecologico.

Scelta del ginecologo

 

Il Ginecologo moderno deve essere in grado di fornire risposte rapide e sicure, in modo da non perdere del tempo in ricerche ed esami costosi ed inutili. Soprattutto per i fattori individuali è necessario rivolgersi ad un Ginecologo che conosce bene le varie problematiche e possiede i mezzi diagnostici e terapeutici per risolverle. Il fattore tempo è essenziale per condurre a buon fine un iter terapeutico più o meno lungo. Le possibilità di guarigione nelle patologie iniziali sono molto più ampie se vengono affrontate subito ed in maniera efficace.

Le attrezzature diagnostiche e terapeutiche di cui è dotato il professionista devono fare la differenza nella scelta del luogo in cui curarsi, oltre ovviamente alla professionalità e casistica personale. La motivazione nella scelta del Ginecologo non deve essere dettata solo da fattori economici o di comodità, ma dalla ricerca di una struttura che sia in grado di risolvere un determinato problema in maniera rapida e sicura. Alla fine ci si accorgerà che il rapporto costo-beneficio è nettamente favorevole al secondo.

Sono altresì indispensabili le seguenti valutazioni:

1. Valutazione della struttura in cui opera il Ginecologo.
2. Valutazione della preparazione del Ginecologo.
3. Valutazione delle possibilità terapeutiche immediate e future.

1- Valutazione della struttura

A parte i banali criteri di comodità e di gradevolezza estetica, una struttura sufficiente deve possedere strumentazioni diagnostiche e terapeutiche adeguate. Sono indispensabili un ecografo di ultima generazione con sonde adeguate per una diagnosi anatomica e funzionale delle patologie ginecologiche e non solo.
Isterosuttore ed insuflattore uterotubarico per le diagnosi istologiche, morfologiche e funzionali dell'apparato genitale.
Laser chirurgico CO2 con colposcopio operatorio per la terapia chirurgica delle lesioni ed alterazioni più frequenti dell'apparato genitale.
Sala operatoria adeguata ed accreditata per eseguire questi interventi, con annessa sala medicazione per terapie varie.
Apparecchio per Ossigeno-Ozono terapia per applicazioni topiche ed autoemoterapie, molto importanti per le medicazioni e le terapie delle malattie endocrine, infiammatorie ed infettive. Armamentario terapeutico adeguato per i casi urgenti, le terapie iniziali e di mantenimento.

2 - Valutazione della preparazione del Ginecologo

Si fonda non necessariamente sul criterio del “passa parola”, ma su un'accurata ricerca circa il curriculum professionale del professionista e sull'acquisizione di titoli ed esperienze ambulatoriali che in definitiva fanno parte della sua casistica personale. A parte l'esperienza nell'effettuare le diagnosi e le terapie, vanno valutate le capacità acquisite nel risolvere al meglio le patologie più comuni e dirottare verso i centri più accreditati le patologie più difficili ed impegnative. L'imperativo più importante a questo riguardo è quello di non perdere tempo prezioso in inutili attese di esiti improbabili con terapie approssimative ed incomplete. Sarà compito del ginecologo spiegare i tempi e le modalità delle cure in modo da ottenere dal paziente il consenso informato che sarà garanzia per entrambi (medico e paziente), assieme alla tutela dei dati sensibili per la privacy. Tutto ciò sarà conservato in un'apposita cartella clinica in cui verranno archiviati i referti e le descrizioni degli interventi e cure eseguite. La preparazione del ginecologo dovrà comprendere la conoscenza di tutte le terapie esistenti per la cura delle varie patologie. Sarà il paziente a decidere quale strada seguire dopo essere stato informato in maniera dettagliata sulle varie possibilità, tempistica e costi economici. In tempi in cui si parla molto di mala sanità non è più accettabile la malafede da parte del medico e del paziente.

3 - Valutazione delle possibilità immediate e future

Non esiste nessuna malattia che sia curabile facilmente e definitivamente. Le considerazioni a riguardo sarebbero troppo lunghe e complicate, ma deve essere chiaro che ogni paziente deve essere seguita nel tempo per consolidare la guarigione ed impedire recidive sempre più difficili da curare. È opportuno ribadire il concetto che nessuna terapia è definitiva, neppure quella chirurgica. L'asportazione di una zona malata, perché irrimediabilmente compromessa, non esime il medico ed il paziente dal dovere di controllare altri settori dell'organismo verso cui potrebbero essere deviati i danni di uno squilibrio energetico più importante. A questo livello i farmaci omotossicologici ed omeopatici dovranno essere usati per ottenere l'equilibrio migliore possibile. Il medico preparato dovrà conoscere anche queste tecniche che permetteranno risultati sempre migliori e duraturi nel tempo. Sarà premura delle pazienti gestire al meglio il follow-up di una patologia più o meno importante. D'altro canto sarà compito del medico studiare in maniera individuale ogni caso clinico e proporre via via le terapie più adeguate.
La valutazione dello stato di salute non si deve limitare all'esecuzione degli esami ematoclinici e alla scomparsa del disturbo fisico ma deve tenere conto degli aspetti emozionali e soprattutto mentali che ogni malattia porta con sé. La guarigione così intesa porta a risultati definitivi ed in un certo senso sorprendenti, soprattutto in un settore in cui la creatività della sfera intima assume risvolti così importanti per il benessere e la bellezza delle persone. È così che si passa al concetto di salute e bellezza. Il ginecologo moderno dovrà conoscere anche questi aspetti che non dovrebbero mai essere separati, ma ricercati e studiati assieme. La medicina e chirurgia estetica assume per ogni paziente una importanza decisiva sul mantenimento dei risultati delle cure e sui programmi di gestione delle stesse. I più comuni inestetismi che affliggono le donne e non solo, sono dovuti a problemi ormonali derivanti dal cattivo funzionamento di qualche organo. Questi concetti sono facilmente intuibili e spiegabili con dati scientifici inoppugnabili. Anche la più piccola ruga ha un significato importante per un medico specialista opportunamente preparato.

Questa esauriente esposizione aiuterà le pazienti a non fare errori in scelte affrettate circa la ricerca del ginecologo cui affidare la propria salute totale.

Ricordiamo ancora una volta che i vari organi di cui si compone l'organismo umano non funzionano separatamente gli uni dagli altri ma in un contesto armonico che è regolato da un'energia vitale unica ed irripetibile, che è condizionata in ogni individuo da fattori genetici e comportamentali. La salute totale dev'essere per ogni individuo la migliore possibile e garantire la massima espressione della forza vitale individuale. Spesso oggi si cercano facili soluzioni ai problemi di salute con terapie che fanno in definitiva solamente sparire i sintomi senza curare le cause profonde.
In breve tempo ci si accorge poi che la malattia viene solamente spostata in distretti più importanti, con notevole compromissione dell'intero sistema e peggioramento dello stato di salute totale. A questo punto è bene che il paziente sia informato sugli aspetti più profondi del suo disturbo, senza pregiudizi o valutazioni inopportune circa l'utilità di una medicina piuttosto che un'altra. Non è importante la medicina che viene usata, ma il risultato che ogni persona può valutare con assoluta obbiettività e serenità. Non si deve in definitiva solo migliorare la salute, ma ogni aspetto della vita delle persone.

Per avere maggiori informazioni utili alla scelta del ginecologo, contatta il nostro centro di ginecologia a Vicenza:
Tel. 0444.323870 - e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Creazione sito web: Webmaster Turra - Verona, Vicenza, Padova, Milano